mercoledì 25 luglio 2012

[INDICE] Guida all'Installazione Minimale di Ubuntu

La guida per l'Installazione Minimale di Ubuntu riportata su questo blog è dettagliata, ricca di screenshot esemplificativi, viene mantenuta aggiornata di volta in volta, quindi non fa fede la data di pubblicazione, ma il continuo aggiornamento che essa riceve. E' adatta per l'Installazione Minimale di una qualsiasi versione di Ubuntu fino alla 12.04 Precise Pangolin.

GUIDA IN FORMATO PDF 
CLICCA QUI PER SCARICARE 
Poi clicca sull'opzione "download" e poi su "download gratuito". Il download (ASSOLUTAMENTE GRATUITO) partirà immediatamente.

INDICE GUIDA ONLINE

1) Prima Parte
      Dal download del file iso alle prime fasi dell'installazione

2) Seconda Parte
      Dal partizionamento del disco fisso al completamento dell'Installazione Minimale

3) Terza Parte
      Scelta del Desktop Environment e dell'interfaccia grafica


4) Quarta Parte
      Software necessari, utili, interessanti da installare sulla vostra distribuzione Linux Ubuntu personalizzata


Se siete giunti alla fine di questa guida, allora avrete ottenuto il risultato sperato: un Sistema Operativo leggero, scattante, basato su Ubuntu, che contiene tutto e solo ciò che voi volevate che contenesse. Insomma  un lavoro fatto bene, che vi assicura un S.O. stabile e che conoscete bene, che durerà nel tempo e tutto completamente all'insegna di Linux e dell'Open Source.

Se avete suggerimenti, critiche, parti da aggiungere/rimuovere in questa guida, ogni consiglio è bene accetto!

25 commenti:

  1. Ciao
    ho seguito la tua precisa guida (di cui ti ringrazio!) per l'installazione di ubuntu minimale, in modo da poterlo personalizzare al massimo. Come DE ho scelto Mate, che ho installato senza problemi, insieme ad altre cosucce. Avrei però una considerazione e un problema da risolvere: 1. installando gdm, come consigli, purtroppo vengono installati anche fastidiosi pezzi di unity, che infatti poi viene elencato tra i DE disponibili proprio in gdm (il fastidio di avere un pezzo di unity però è facilmente risolvibile "purgandolo" per bene); 2. l'altra questione invece è questa: ho notato che purtroppo con l'installazione di Mate coesistono sia Nautilus sia Caja, che di fatto sono la stessa cosa ma doppioni, e non ha senso che coesistano, soprattutto perché se clicco sull'icona della Home viene lanciato Caja, mentre se apro Risorse viene lanciato Nautilus! Come risolve questo problema? posso purgare tranquillamente Nautilus?

    Grazie
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo a gdm, purtroppo noto che hai ragione, lo segnalerò nella guida. Diciamo che io avevo consigliato gdm perchè è proprio di Gnome, e in genere chi usa MATE lo usa proprio per riavere un desktop simile a Gnome 2, però forse è meglio xdm, per avere meno dipendenze possibili e un login manager leggero.

      Riguardo a Nautilus, presumo possa essere una delle dipendenze che si portava dietro Unity, dunque lo puoi rimuovere. Entra in Synaptic (se lo usi come gestore pacchetti) cerca i pacchetti relativi a Nautilus e rimuovili. Fare un'operazione del genere su Ubuntu è pericoloso perchè potrebbe rimuovere pezzi di Unity, ma dato che tu hai Ubuntu minimale con Gnome verrebbero eliminate cose che tu tanto non usi.

      In alternativa puoi selezionare il file manager di MATE come file manager predefinito dalla Impostazioni di Sistema, così Nautilus rimarrebbe installato ma non utilizzato.

      Oppure ancora, intalla xdm, mettilo come login manager e poi digita:

      sudo apt-get purge gdm
      sudo apt-get autoremove

      così facendo eliminerai gdm e tutte le sue dipendenze!

      Elimina
  2. grazie mille per i suggerimenti che ora metterò subito in pratica! per quanto riguarda gdm ho provato a sostituirlo con mdm, cioè il DM di Mint e di Mate, se non sbaglio.
    in questa versione minimale synaptic non c'è, ma continuerò a farne a meno, perché questa versione Mate+
    Ubuntu si sta rivelando di grande interesse a soprattutto molto leggera (con architettura a 64bit sono intorno alle 250 MB di ram).
    Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per installare synpatic:

      sudo apt-get install synaptic

      guarda la quarta parte della guida per vedere se alcuni software per Linux possono esserti utili =)

      Sono contento che tu abbia ottenuto il risultato sperato, a presto!

      Elimina
  3. Ciao Matteo. Sono finito sul tuo blog per caso e devo dire che sono un bel po' di cose carine. Devo però farti un appunto. Il backgroud che è molto bello dopo 5 minuti di lettura ti fa sanguinare gli occhi. Mettici un bel grigio scuro riposante, non è allegro come questo ma aiuta non poco. Ciao e continua così ; )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrò quel che riesco a fare, i temi sono predefiniti quindi si prestano poco alla personalizzazione. Ora provo a trovarne uno meno elaborato ma più funzionale!

      Elimina
  4. Cioa Matteo,
    ho continuato a lavorare su Ubuntu minmale + Mate. Ho però un problema che non sono ancora riuscito a risolvere. Come posso fare in modo che all'avvio si visualizzi Plymouth? Ora come ora, lo schermo mi rimane nero fino alla comparsa di MDM con il nome utente.
    Premetto che
    1- ho installato plymouth e alcuni temi
    2- ho installato anche plymouth manager e che plymouth sembra abilitato
    3- ho anche modificato il file /etc/default/grub a questa riga: GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="splash" (prima c'era "splash quiet")

    Ma non succede ancora niente. Cosa mi sfugge?

    Grazie dell'attenzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. su plymouth devo lavorare anche io in questi tempi. attualmente ho scovato questa guida:

      http://linux4netbook.blogspot.it/2010/10/installare-plymouth-su-debian.html

      è per Debian, tuttavia contiene molte informazioni valide anche per Ubuntu. mi sembra comunque molto strano che con plymouth manager tu non sia riuscito ad ottenere la corretta visualizzazione del tema!

      Elimina
  5. grazie del suggerimento. Ora guardo subito la guida... Intanto ho un altro problema (già!). Sempre su Mate, molti programmi installati mi appaiono senza decorazioni gtk. è un problema di Mate o si può fare qualcosa...? Alcuni di questi programmi sono Abiword, Transmission, Brasero, Simple Scan. Però, mi chiedo, se su Linux Mint Mate Edition non ci sono questi problemi, allora dovrebbe essere risolvibile. Hai dei suggerimenti?
    Grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo temo di non saperlo. MATE è un progetto giovane e ci sono svariati punti su cui deve migliorare, tra i quali quello da te citato. Dunque non escludo che sia un problema non risolvibile. L'unica è aspettare un aggiornamento di versione.

      Elimina
    2. ciao mi sono un po' informato sulla rete e sul forum di linuxmint. La questione è dovuta a gtk 2 / 3: mate è una specie di ibrido. Gli unici temi che supportano gtk2 e gtk3 sono proprio quelli di Mint, cioè Mint-Z e Mint-X. Installando quei temi dai repository di Mint, infatti, il problema di cui parlavo si risolve...

      Elimina
    3. Fantastico, pure io su MATE avevo i temi di Mint e funzionavano bene. mentre quelli che trovavo su gnome-look non andavano a dovere.

      Sei riuscito ad ottenere dei buoni risultati da questa installazione Ubuntu minimale + MATE? Altri utenti su alcuni forum sono soddisfatti del risultato, si ottiene un SO molto più leggere di un nomrale Ubuntu con, ad esempio, Gnome CLassic.

      Elimina
    4. sì ottimi risultati, senz'altro. su architettura a 32 bit ubuntu+mate usa meno di 150 mb di ram. direi che è un buon risultato. li ho provati tutti i DE da te suggeriti, ma quello che mi convince di più è proprio mate (esclusi naturalmente lxde e xfce, che ormai sono ottimi DE). un altro DE, in realtà più un semplice WM, è Xmonad: davvero intrigante...

      Elimina
    5. lo testerò, ne avevo sentito parlare ma non l'avevo mai provato davvero.

      MATE da solo è davvero leggero, credo che per Ubuntu minimale sia una scelta davvero vantaggiosa, è molto più performante di Mint 13 con lo stesso DE.

      Elimina
  6. Ciao Matteo
    complimenti per la guida, veramente bella. Ti volevo solo dire che essendo, come hai detto, anche per utenti non molto esperti, mancherebbe tutta la parte per un eventuale dual boot quindi partizionamento avanzato e installazione del Grub.
    ciao e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Io parto dal presupposto che chi non ha mai partizionato un disco non parta subito in quarta con un'installazione minimale, ma preferisca invece un normale Live CD. Se così non fosse, in merito al partizionamento si trovano in Rete delle guide e videoguide stupende, come ad esempio:

      http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=377&Itemid=33

      Ciao,
      Matteo

      Elimina
  7. Ciao Matteo,
    congratulazioni per la Guida ed il Blog, che ho scoperto per caso.
    Uso linux da qualche anno, ma non sono un grande esperto. Utilizzo ubuntu 11.04 che sul pannello consente di aggiungere il 'monitor di sistema' per tenere sott'occhio il traffico di rete.
    Sarei interessato a conoscere se anche Mate, in ubuntu minimale, offra questa possibilità.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dovrebbe proprio avere qualcosa di simile, come ce l'ha anche Gnome Classic. Esistono inoltre apposite estensioni anche per Gnome Shell credo. In ogni cao puoi ottenere un buon monitor di sistema e di rete anche con l'applicazione Conky, che se configurata adeguatamente funziona su tutti i DE.

      Tuttavia MATE, che è un fork di Gnome2(quello presente fino a Ubuntu 11.04) dovrebbe proprio soddisfare le tue esigenze.

      Elimina
  8. ... i CD sono sempre già utilizzati e non sempre ce n'è uno a disposizione, una chiavetta da formattare si trova sempre ;-) ... ; inoltre ci sono tipologie di PC - "netbook" ... - che non hanno il lettore CD, ecco allora una semplice idea per la creazione di una chiavetta avviabile:
    dd if=mini.iso of=/dev/inidirizzo-chiavetta
    "inidirizzo-chiavetta" (ovviamente inserita) è ricavabile da un semplice:
    fdisk -l
    tutte e due i comandi con privilegi "root" (sudo ...)

    Complimenti per la guida e per il blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la segnalazione. per creare una chiavetta avviabile con la mini.iso in passato ho usato unetbootin su Linux e LinuxPendrive su Ubuntu, in entrambi i casi solitamente funzione.

      ciao!

      Elimina
  9. Matteo complimenti per la guida, la sto provando proprio ora, ti farò sapere come va a finire

    RispondiElimina
  10. Salve, mi sono fermato al primo step :(
    ho inserito il cd con l'immagine della mini iso, ho pigiato enter su "Install" ma non è successo niente!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Matteo, era da tempo che mi frullava l'idea, ho già realizzato due derivazioni di Majonix del caro Francesco con grandi pasticci, oggi finalmente la tua guida ha cominciato ad illuminarmi. Sono ancora alla lettura ,mi terrò in contatto così seguirai l'evoluzioni. Purtroppo sono in fase di traslocco dal Senegal al Togo percui il lavoro avra dei mesi di sosta. Ancora grazie.

    RispondiElimina